La Grande Strada delle Dolomiti

La Grande Strada delle Dolomiti

Blog

Le tappe

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

                                      

Castelli arroccati, svettanti campanili, piccoli borghi, isolate chiesette, grandi masi e distese di prati, è tra questi magici scenari, ai piedi di imponenti pareti rocciose che si sviluppa la Grande Strada delle Dolomiti. L'atmosfera diventa veramente d'altri tempi in inverno, quando i pochi rumori vengono attutiti dalla neve e il suo candore contrasta con il blu del cielo e il rosa delle montagne regalando paesaggi che sembrano usciti dalla tela di qualche grande pittore. L'itinerario si svolge tra la SS48 e la SS241

Itinerario

Bolzano: il capoluogo della regione può essere considerato il punto di partenza ufficiale della grande strada. Una città dal ricco passato, molto legata alle sue tradizioni ma modernamente organizzata, offre al turista strutture ricettive all'avanguardia, musei di prim'ordine come il MUSE o il Museo Archeologico ove è conservata la mummia di Otzi, l'uomo venuto dal ghiaccio. Scopri di più

Nola Levante - centro abitato che offre splendidi panorami sulle Dolomiti. A poca distanza dal centro abitato si trova l'Abbazia di Pietralba sicuramente il santuario più amato del Trentino, meta di numerosi pellegrinaggi e situato tra ampie distese di prati circondati da belle abetaie. La chiesa venne costruita tra il 1638 e il 1654 in stile barocco. Con una breve deviazione dalla SS241 si raggiunge l'area sciistica di San Floriano con le sue bellissime piste, tra le quali spicca la famosissima Pala di Santa sulla quale si svolgoo i campionati di Coppa Europa.

Carezza: piccola frazione del comune di Nola Levante famoso anche grazie ai colori delle acque del suo lago sul quale si specchiano le cime montuose del Latenar e del Catinaccio. Secondo la leggenda anticamente nel lago viveva una Sirenetta della quale si innamorò un mago, per conquistare i suoi favori il mago si ricoprì di gioielli. La Sirenetta però alla sua vista si tuffò nelle profondità delle acque senza più riemergere, così il mago infuriato gettò tutti i gioielli nelle acque del lago che da quel momento cominciarono a brillare di sfavillanti colori. La città diventò uno dei luoghi di villeggiatura preferiti dalla borghesia europea dalla fine del 1800, periodo in cui la principessa Sissi soleva trascorrere lunghi periodi di riposo al Grand Hotel Cerazza. Per ritemprarsi era solita fare lunghe passeggiate tra le malghe, una di queste passeggiate porta ancora il suo nome e partendo da Carezza raggiunge Nola Levante fino al maso Zenay. Carezza nei mesi estivi mette a disposizione dei turisti un campo da Golf da 16 buche mentre in inverno offre 40 chilometri di piste, sempre perfettamente innevate, e sedici impianti di risalita.

Vigo di Fassa: la sua posizione privilegiata lo rende una splendida terrazza sul Catinaccio. Una modernissima funivia porta i turisti a quota 2000 metri nella conca del Ciampedie, in estate punto di partenza per escursioni ed in inverno cuore pulsante della ski area del Catinaccio, un vero paradiso per gli amanti di questo sport. Di interesse artistico è la Pieve di San Giovanni uno dei più significativi esempi di arte gotica dell'area landina 

Canazei: considerato uno dei centri turistici più rinomati del Trentino il paese è posto del cuore della Val di Fassa ed assieme ad altri 18 comuni del territorio costituisce l'area Landina Dolomitica ove si parla il Landino. Intorno a Canazei si ergono le cime del Sallolungo del Sella e della Marmolada con le loro bellissime piste da sci.

Andraz: superato il passo Pondroi con i suoi 33 tornanti e il paese di Arabba incontriamo il piccolo borgo di Andraz con il suo bellissimo castello-museo. Il castello venne presumibilmente costruito verso la fine dell'anno 1000 ma, si hanno informazioni scritte solo a partire dal 1200. Appartenuto alla famiglia  Schoneck che ne ottennero il feudo dal vescovo-conte di Bressanone. A partire dal 1416 il castello divenne di proprietà dei vescovi di Bressanone che la conservarono fino agli inizi del 1800. Vai al Sito

Passo Falzarego: giunti in prossimità del Passo vi consigliamo di prendere la funivia e recarvi fino al rifugio Ragazuoi con la sua splendida terrazza panoramica. Nell'area esistono inoltre numerose testimonianze dei combattimenti avvenuti durante la I Guerra Mondiale.

Cortina d'Ampezzo: considerata la perla delle dolomiti e luogo di ritrovo di personaggi del jet set internazionale.

Camper

La strada in alcuni tratti si fa piuttosto stretta, ripida e con curve cieche, poco adatta a mezzi di grandi dimensioni o a equipaggi poco esperti.
Aree Sosta Camper

 

Letto 1579 volte
Altro in questa categoria: « Introduzione

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Italian English French German Portuguese Russian Spanish
Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra navigazione..  Per saperne di più.  Accetto i Cookie da questo sito