Antagnod: perla della Val d'Ayas
Blog

Informazioni pratiche

Vota questo articolo
(1 Vota)

Come arrivare

Il borgo è facilmente raggiungibile sia in macchina che in camper che in moto tramite la SR45 che parte da Verrés e attraversa tutta la valle fino a Champoluc, se raggiungete la Valle d'Aosta tramite l'autostrada dovrete uscire a Verres. Giunti alla frazione di Corbet bisogna però svoltare sulla sinistra e dopo aver attraversato il ponte sul torrente Evancon la strada inizia a salire offrendo bellissimi scorci sulla valle e sul ghiacciaio del Rosa. I mezzi di grosse dimensioni potrebbero avere qualche difficoltà nel centro storico del borgo in quanto la strada subisce un restringimento ed è fiancheggiata dalle antiche case del borgo.
Se intendete raggiungere la valle in treno dovrete scendere a Verres e poi raggiungere Antagnod con autobus di linea. L'aeroporto più vicino è quello di Torino-Caselle che dista 106 Chilometri.

Parcheggi

Sia che si arrivi da Corbet che da Champoluc prima di raggiungere il centro storico esistono diversi piccoli parcheggi, molto affollati durante la stagione invernale quando le piste da sci sono aperte, in estate in genere non esistono problemi di parcheggio. Per ovviare a questo problema è consigliabile munirsi delle navette di collegamento messe a disposizione dal comune.

Dove dormire

Il borgo non dispone di molti hotel vi sono però diversi residence e molti proprietari di case che affittano le loro abitazioni a settimana. Prima di arrivare ad Antagnod, provenendo da Corbet, poco dopo il torrente Evancon e prima che la strada cominci a salire ed a farsi ricca di tornanti si trova il campeggio "Sole e Neve". Se non volete raggiungere Antagnod con il vostro Camper sulla strada che porta al campeggio c'è la fermata della navetta che conduce gli sciatori alle piste da sci. Essendo le strutture turistiche in numero relativamente limitato rispetto alla forte richiesta dei periodi di alta stagione, vi consigliamo di prenotare con un certo margine di anticipo.

Vai alle aree di sosta in zona

Shopping

All'interno di un rascard perfettamente ristrutturato si trova uno dei tanti negozi della  IVAT (Institut Valdôtain de l'Artisanat de Tradition) dove è possibile acquistare oggetti di artigianato locale, fatti in legno, stoffa o pietra. Tra i prodotti più classici della tradizione si possono acquistare i sabot, tradizionali calzature in legno e le classiche calze in lana lavorate ai ferri. Impossibile poi non acquistare un pezzo di Fontina Valdostana prodotta con latte d'alpeggio, la tipica mocetta o il Lardo di Arnad. Molti negozi di alimentari vendono anche il famoso Genepy, un liquore ottenuto dalla macerazione in alcol di Artemisie Alpine ossia piante di Genepy bianco o nero e l'aggiunta di zucchero.

Letto 1562 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Italian English French German Portuguese Russian Spanish
Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra navigazione..  Per saperne di più.  Accetto i Cookie da questo sito