Il Lago di Bracciano e dintorni

Lago di Bracciano e dintorni

Blog

Anguillara Sabazia

Vota questo articolo
(1 Vota)
Anguillara Anguillara Alessandro Moreschi

Elevata a città dal 2001 Anguillara sorge su di uno sperone di roccia che avanza nel lago di Bracciano. La particolare posizione e la bellezza naturalistica del luogo hanno reso la città un luogo turistico conosciuto già in epoca romana, come testimoniano i ruderi di numerose ville romane sparsi sul territorio. Secondo le tesi più accreditate il nome Anguillara deriva dalla potente famiglia degli Anguillara che per molti secoli dominò il territorio. Alla morte dell'ultimo discendente degli Anguillara avvenuta nel 1488 il borgo passò prima sotto il dominio degli Orsini e successivamente sotto quello degli Odescalchi.

Sito turistico della città

Da Vedere:

Collegiata di Santa Maria AssuntaLago di Bracciano

Raggiungibile tramite scalinate e irte viuzze, della collegiata non si conosce esattamente l'anno di costruzione anche se da documenti scritti si sa per certo che esisteva già nel 1489. Nel 1765 viste le fatiscenti condizioni in cui versava venne sottoposta ad un pesante restauro che ne modificò sostanzialmente sia l'esterno che l'interno. La chiesa è preceduta da una piccola terrazza con uno splendido panorama sul lago, sulla facciata si aprono tre portali che immettono nelle tre navate interne della chiesa. La navata centrale termina con un abside la cui volta è riccamente decorata da stucchi dorati che circondano la Colomba dello Spirito Santo.

Porta di Accesso

Aanticamente parte delle mura di fortificazione della città, la porta databile intorno al 1500 è sormontata da un orologio ed è unita al torrione medioevale tramite un bastione. Appena passata la porta si incontra l'antico Palazzo Baronale.

Torrione Medioevale

Circondato da un parco il Torrione segna, assieme alla Collegiata, il punto più alto della città. Oggi al suo interno ha sede il Museo della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare.

Villa Romana dell'Acqua Claudia

Posta nell'area circostante lo Stabilimento dell'Acqua Claudia, la villa venne scoperta nel 1934 e rappresenta ai giorni nostri uno dei più importanti esempi di architettura curvilinea dell'epoca. 

Mura di santo Stefano

Si tratta dei resti di un importante complesso architettonico risalente al primo secolo d.C. del quale fanno parte una struttura principale, una cisterna e i resti di una chiesa medioevale. Abbandonato per un lungo periodo, i terreni intorno al complesso vennero utilizzati intorno all'800 per seppellirvi i morti di colera. Oggi tali ruderi caratterizzano il paesaggio intorno alla città.

Letto 2003 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Italian English French German Portuguese Russian Spanish
Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra navigazione..  Per saperne di più.  Accetto i Cookie da questo sito