Portogallo

Mettete un antico borgo con le sue viuzze lastricate e i suoi antichi palazzi sontuosamente decorati, alte vette candidamente innevate e un piccolo lago sul quale si specchia il paesaggio e..... penserete di essere entrati a par parte di una favola, invece siete a Fussen! L'antica città Bavarese durante il periodo natalizio è ancora più suggestiva grazie al fuoco tremolante delle fiaccole che illuminano le viuzze, agli splendidi addobbi che ornano case e negozi e al suggestivo mercatino che si tiene nel cortile barocco dell'abbazia di San Magno. Immancabili sono i canti tradizionali della regione dell'Algovia uniti ai più noti canti natalizi. Durante i mercatini di Natale è possibile osservare artigiani intenti nei loro antichi mestieri tra questi i lanternai.

Per partecipare ai mercatini e vedere i famosi castelli di Ludwig II situati a una manciata di chilometri dalla città basta un week-end lungo. Per maggiori dettagli sulla città e i suoi dintorni clicca qui

Date dei mercatini 6-8 Dicembre 13-15 Dicembre 2019

Date: 8 Dicembre 2019

Il vischio costituiva un elemento importante della tradizione celtica ed è all’origine di molti riti e leggende. La festa al'origine voleva celebrarne la raccolta, che tradizionalmente precedeva le festività natalizie. Tutto si svolge intorno al mercatino del vischio, dove si possono anche trovare prodotti tipici della gastronomia locale, a rendere ancor più suggestiva la giornata sono le musiche e danze, a partire dalle ore 14 della tradizione francoprovenzale, occitana e celtica che culminano, dopo la premiazione dei vischi più belli, in una fiaccolata e nell’accensione del fuoco druidico.

Durante tutta la giornata sono aperte le visite al medioevale maniero di Cly.

A circa una cinquantina di chilometri dalla città di Fussen e precisamente a Garmisch si trova il ghiacciaio dello Zugspitze. Emozionante è il viaggio per raggiungere la splendida terrazza panoramica posta della vetta posta a 2963 mt. di altitudine.

Da Garmisch una storica ferrovia a cremagliera costruita agli inizi del '900 conduce fino a Schneefernerhaus tra panorami mozzafiato sul lago di Eibsee e le vette circostanti. Poi una funivia accompagna i turisti fino allo Zugspitz-klamm in territorio austriaco. Da qui un'altra funivia conduce fino in vetta alla montagna ad oltre 2.900 mt. il panorama che si gode dalla vetta e tra i più spettacolari di tutta la catena alpina. Considerata la funivia dei record, le sue modernissime cabine in vetro e acciaio possono ospitare fino a 120 persone e, nel punto più alto sono sospese a 127 mt. da terra offrendo ai turisti un'esperienza senza eguali!

Vai al Sito

Posto a 4 chilometri dalla città di Fussen e a soli 2 chilometri dal castello di Newschwanstein l'edificio venne edificato nel XII secolo con le fattezze di una fortezza medioevale dai Cavalieri di Schwangau. Nonostante appartenga al circuito dei castelli di Ludwig II è l'unico castello che non fu costruito da re ma da suo padre Maximilian II, il quale durante una battuta di caccia venne colpito dalla bellezza di questi luoghi decidendo così di acquistare i resti dell'antica fortezza e di trasformarli in una sontuosa residenza di svago. I lavori di riedificazione vennero affidati allo scenografo Domenico Quaglio che rifece il castello un puro stile neogotico. Fu proprio in questo castello che Ludwig trascorse gran parte della sua infanzia e della sua giovinezze e, fu sempre qui che incontrò per la prima volta il compositore Richard Wagner, che proprio nelle sontuose sale di questo castello amava esibirsi per la famiglia reale.

Dal 1928 il castello è di proprietà della famiglia Wilttelsbacher Ausgleichsfonds che, dopo lunghi lavori di restauro, ha deciso di riaprirlo al pubblico. Di articolare bellezza sono la Sala degli Eroi, la camera da letto della regina Maria, madre di Ludwig, la sala del Tasso e la Sala Berchta. Da notare gli arredi del XIX secolo in stile Biedermeier

Il castello è raggiungibile a piedi dal castello di Newschwanstein oppure con carrozze o bus navetta che partono dai parcheggi del centro visitatori di Schwangau. Per la visita vale la stessa procedura della visita al castello di Newschwanstein, volendo è possibile acquistare un biglietto cumulativo dei due castelli + museo.

La visita al castello parte dal piccolo borgo di Hohenschwangau.

Nel villaggio ci sono 4 aree parcheggio: le prime tre sono vicino al Visitor Centre la quarta è più lontana ma, di lì partono gli autobus per il castello. Dagli altri tre parcheggi partono le carrozze trainate da cavalli, attenzione quelle di colore marrone sono  per il castello di Newschwanstein.

P1 = vicino al negozi "apollo duty free" 
P2, P3 = intorno al  Restaurant cafe Kainz,
P4 = dopo il lago Alpsee

Il viaggio in carrozza dura circa 20 minuti con il Bus meno di 10 minuti. Sia l’autobus che le carrozze fermano a 15 minuti a piedi dal castello. E' possibile scegliere di salire o scendere a piedi e pagare solamente la corsa di ritorno in autobus o carrozza o viceversa. Prendendo l’autobus a cinque minuti di cammino attraverso un sentiero tra i boschi si incontra il “Mary’s Bridge” dal quale si ha una vista spettacolare del castello.

Castello

Se si pensa ad un castello delle fiabe la mente non può che andare al castello di Neuschwanstein, simbolo incontrastato della Baviera. Walt Disney durante una sua visita in questi luoghi ne rimase talmente affascinato che lo utilizzò come modello per il suo film d’animazione “La bella addormentata nel bosco” e da allora le sue forme sono divenute il marchio di tutti i film e i parchi Disney.  La costruzione della residenza fu  voluta da Ludwig II, il re sognatore, che per la sua progettazione chiamò lo scenografo Christian Jank. Tra tutti i castelli fatti edificare dal re tedesco questo è sicuramente quello che meglio rispecchia il suo animo sognatore e fiabesco. Il castello venne edificato sullo stile delle fortezze feudali tedesche su volere dello stesso re, che durante una visita alla fortezza di Wartburg in Turingia ne rimase folgorato. Progettato tra il 1868 e il 1869 per la sua edificazione, i suoi decori e i suoi arredi ci vollero ben 6 milioni di marchi. Le decorazioni interne sono un omaggio al musicista tedesco Wagner. Posto a 965 mt. di altitudine il castello domina, con la sua imponente mole e le sue torrette che si ergono verso il cielo, tutta la piana sottostante. La visita al castello dura all'incirca 1 ora, l'ammissione alla visita avviene ogni 5 minuti tramite un tornello azionato dalla validazione del biglietto. ATTENZIONE: se arrivate anche solo con due minuti di ritardo rispetto all'orario indicato sul biglietto non verrete più ammessi alla visita.

Prenotazioni: per la visita al castello è necessaria la prenotazione on-line attraverso il seguente link nel momento in cui effettuerete la prenotazione non vi verrà richiesto alcun pagamento ma un orario indicativo. La vostra domanda verrà invita al Centro Visitatori e, dopo qualche giorno riceverete una mail di conferma con l'orario di visita. Dovrete poi presentare la mail di conferma al Centro Visitatori per l'acquisto del biglietto. Vi consigliamo di recarvi al Centro Visitatori con almeno 90 minuti di anticipo rispetto all'orario della vostra visita in quanto soprattutto durante i periodi di maggior afflusso turistico si creano lunghe code.

Per fotografare il castello in tutta la sua imponenza e magnificenza bisogna recarsi al ponte Maria, sospeso sulla Gola del Pollat.

Castello di Neuschwanstein

Antico centro di origini romane e importante snodo commerciale per la sua strategica posizione sulla via che da Verona conduce alla città di Augusta.

La deliziosa cittadina dispone di un centro storico raccolto intorno all'antica rocca, dove una volta vi sorgeva il Castrum romano. Centro turistico molto rinomato anche a livello internazionale per essere il punto di partenza della Romantic Strasse e per la sua vicinanza a due dei numerosi castelli di Ludwig II. Le tortuose vie del centro storico sono abbellite dalle splendide facciate di palazzi anticamente di proprietà di ricchi mercanti, molte di loro sono ornate da bellissimi affreschi. Il pian terreno di molti di questi palazzi è attualmente occupata da negozi di souvenir, da caffetterie o da ristoranti tipici con i loro caratteristici garden nei quali è possibile gustare wurstel, salsicce, spatzen accompagnati da enormi boccali di birra. La via più rinomata è sicuramente la Reichenstrasse che conduce al mercato coperto

FussenDa vedere:

Il Castello, edificato nel 1291 sui resti di un insediamento romano del IV secolo, il castello divenne, agli inizi del 1300 sede dei principi-vescovi di Augusta. Ristrutturato agi inizi del '500 non perse la sua struttura difensiva, all'interno begli edifici che si articolano intorno alla corte interna. Il castello ospita due pinacoteche.

La piccola chiesa di chiesa "Heilig-Geist-Spitalkirche" la cui facciata è riccamente ornata

Il Monastero di San Magno la cui prima pietra venne posata nel 750 da un monaco Irlandese, le cui spoglie sono tutt'ora conservate nella cripta. Solamente un secolo dopo i Principi-Vescovi di Augusta costruirono in questo luogo un monastero affidandolo ai benedettini. Nel 1707 l'intero complesso venne rifatto in forme barocche da Herkomer, all'interno del monastero, con belle sale riccamente decorate, è attualmente conservata una delle più belle raccolte d'Europa di liuti storici e violini.

Particolarmente romantici i mercatini che si tengono tutti gli anni nel periodo dell'avvento nel cortile del Monastero e lungo alcune vie del centro storico. Per saperne di più clicca qui

 

Uno splendido scorcio di Baviera, che può essere visitato da solo in un week-end lungo oppure rappresentare la prima tappa per un viaggio alla scoperta della Romantic Strasse o delle antiche città bavaresi di Monaco, Stoccarda, Norimberga e Ratisbona.

Un piccolo angolo di paradiso, dove la frenesia quotidiana lascia spazio ai ritmi lenti e rilassati tipici dei luoghi di montagna, dove sulle acque del piccolo lago si specchia il blu del cielo e dove le vette innevate fanno da cornice agli splendidi castelli costruiti da Ludwig II, re di Baviera dal 1864 al 1886. 

Per la visita alla città ed ai suoi dintorni bastano due-tre giorni ma, se avete qualche ora a disposizione potete raggiungere la vicina città di Monaco che dista solo un ora di macchina. Questo angolo meridionale della Baviera offre spunti al turista in qualsiasi stagione dell'anno, quindi non esiste un periodo migliore di un altro per la visita. In estate potrete avventurarvi in qualche escursione sui bei sentieri che si arrampicano sulle vicine montagne o rilassarvi sulle rive del lago, mentre in inverno oltre a sciare sulle splendide piste potete fare shopping nei suggestivi mercatini di Natale.

L'offerta ricettiva, nonostante sia una zona piuttosto visitata, è abbastanza limitata, quindi se vi recate in un periodo di grande afflusso turistico vi consigliamo di prenotare con largo anticipo, stessa cosa vale per la visita ai castelli di Ludwig II, meglio effettuare la prenotazione on-line con almeno 1-2 mesi di anticipo altrimenti rischiate di non essere accettati. Tenete presente che al momento della prenotazione on-line non dovrete versare alcuna somma, il pagamento avviene in loco al momento del ritiro dei biglietti.

Il castello, di cui si hanno notizie già nel 936 d.C. è uno dei più antichi del Piemonte. Costruito su vecchie chiuse longobarde, il castello subì nel corso dei secoli diverse trasformazioni: dapprima roccaforte, poi dimora fortificata ed infine alloggiamento signorile questo per meglio adattarsi alle esigenze dei diversi proprietari. Numerose furono  infatti le nobili famiglie che ne entrarono in possesso nel corso dei secoli tra queste i Bichieri di cui ancora è conservato l'affresco con lo stemma rappresentato da tre bicchieri pieni a metà di vino sotto il cappello del cardinale Guala.

Tra gli illustri casati che ne entrarono in possesso si annoverano i Visconti, i Savoia e i Valperga, proprietari di alcuni di più bei castelli Piemontesi, che lo possederono dal 1441 fino alla rivoluzione francese. Proprio tra i discendenti dei Valperga troviamo il crudele Ludovico, Signore di Roppolo, che secondo la leggenda uccise il suo acerrimo nemico Bernardo di Mazzè murandolo vivo nel maniero. Si dice che nelle notti buie il suo fantasma aleggi ancora nella torre e i giardini del castello, sta di fatto che durante dei lavori di ristrutturazione avvenuti nell'800 venne ritrovata un'armatura con dentro uno scheletro umano proprio nelle intercapedini delle mura.

Vista la sua posizione strategica numerosi furono i condottieri e i personaggi illustri che vi soggiornarono nel corso dei secoli tra questi Facino Cane, Tommaso Francesco di Savoia e Napoleone Bonaparte. Negli anni '80 il castello venne trasformato in un ristorante dalla famiglia Novarese di Moransengo,  nel 2015 il castello fu acquistato dal conte Patrick Saletta che dopo attenti restauri ha deciso di aprirlo al pubblico. Le sale del castello sono state arricchite di una splendida collezione di quadri, mobili, armi medievali, reperti archeologici, mentre nelle cantine sono presenti vini locali.

Dal castello, che si erge sulla sommità di una collina morenica si gode di una stupenda vista sul lago di Viverone e sui territori circostanti. La visita al castello può essere abbinata ad una gita in battello sul Lago di Viverone e al Villaggio Palafitticolo

Per consultare gli orari di apertura del Castello vai al sito

Le più belle feste dell'Uva

 

 

Caluso: Festa dell'UVA

Piemonte: 11 - 16 Settembre 2019

 

 

 

 

 

Masera: Festa dell'UVA

Piemonte: 5 - 9 Settembre 2019

 

 

 

Cormons: Festa dell'Uva

Friuli: 6 - 8 Settembre 2019

 

 

 

 

 

 

Marino: Sagra dell'Uva

Lazio: 4 - 7 Ottobre 2019

 

 

 

 

 

 

Gattinara: Festa dell'Uva

 Piemonte: 6 - 8 Settembre 2019

 

 

 

 

 

Borgomanero: Festa dell'Uva

Piemonte: 31 Agosto all'8 Settembre 2019

 

 

 

 

 

 

Castrocaro: Sagra dell'Uva

Emilia: 7 - 8 Settembre 2019

 

 

 

 

 

 

Castelvetro: Sagra dell'Uva

Emilia: Dal 14 al 22 Settembre

 

 

 

 

 

 

 

Merano: Festa dell'Uva

Trentino: dal 18 al 20 Ottobre

 

 

 

 

 

 

Alba: Festa del Vino

Piemonte: Domenica 29 Settembre

Un viaggio nelle più belle città murate del veneto tra storia, cultura, splendidi paesaggi e tanto buon cibo. Un itinerario ideale per i week-end d'autunno o di primavera. Vai all'itinerario

Pagina 1 di 175

Portogallo

Italian English French German Portuguese Russian Spanish
Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra navigazione..  Per saperne di più.  Accetto i Cookie da questo sito